«Il sostituto non può essere chiamato a rispondere dell’intera imposta a seguito dell’omesso versamento delle ritenute sull’indennità di trasferta erogata al dipendente ma è tenuto a pagare solo le sanzioni per la mancanza commessa. Il soggetto passivo d’imposta rimane, infatti, esclusivamente il percettore del reddito e non il sostituto d’imposta, in quanto il meccanismo della ritenuta consiste in un prelievo del quale è responsabile esclusivamente il sostituito. È l’interpretazione della sentenza 112/20/2013 della Ctp Genova…»

L’intero articolo è disponibile sul sito del Sole24Ore

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

sette + dodici =

© 2018 Studio Legale Ricciardi - Avvocato Nicola Ricciardi P.Iva 12176811003 - Managed by Bennici & Sirianni Servizi Editoriali